Parrocchia di Sustinente

 

PUNTELLI - Pasqua 2005

 

Economia Eucaristica


Se l'eucaristia è non solo "il centro e il culmine di tutta la vita della comunità cristiana", ma anche "fonte e culmine di tutta l'evangelizzazione ", le dimensione eucaristica deve caratterizzare, per i credenti, non solo la realtà individuale ed ecclesiale, ma anche quella sociale. I credenti devono cercare di costruire il mondo all'insegna eucaristica della gratuità, del dono, della condivisione. E' lo spirito che ci rende comunità, popolo che si alimenta alle fonti dei sacramenti e si divinizza al contatto col corpo e sangue di Cristo. 

Nel medesimo tempo, ci fa scoprire che è divino anche lottare per i fratelli e che ci divinizza anche al contatto con la carne piagata e il sangue versato dai poveri e dagli oppressi, perché Cristo si fa carne nella loro umanità torturata… Anche l'economia, la politica, le leggi della convivenza debbono essere determinate dalla realtà eucaristica, che è logica di accoglienza, condivisione, accessibilità per tutti dei beni spirituali, ma anche materiali della salvezza. Il cristiano dovrebbe proclamare, senza paura, che c'è bisogno di un'economia "eucaristica".


Scrive Giovanni Paolo II: "L'eucaristia dà impulso al nostro cammino storico, ponendo un seme di vivace speranza nella quotidiana dedizione di ciascuno ai propri compiti… Molti sono i problemi che oscurano l'orizzonte del nostro tempo. 

Basti pensare all'urgenza di lavorare per la pace, di porre nei rapporti tra i popoli solide premesse di giustizia e di solidarietà, di difendere la vita umana dal concepimento fino al naturale suo termine. E che dire poi delle mille contraddizioni di un mondo "globalizzato", dove i più deboli, i più piccoli e i più poveri sembrano avere ben poco da sperare?

E' in questo mondo che deve rifulgere la speranza cristiana! Anche per questo il Signore ha voluto rimanere con noi nell'eucaristia, inscrivendo in questa sua presenza sacrificale e conviviale la promessa di un'umanità rinnovata dal suo amore… Annunziare la morte del Signore "finchè egli venga" comporta, per quanti partecipano all'eucaristia, l'impegno di trasformare la vita, perché essa diventi, in certo modo, tutta