Articoli Sustinentesi

 

Parrocchie di Sacchetta-Sustinente-Libiola-Serravalle
CENTRO ASCOLTO INTERPARROCCHIALE
RESOCONTO ATTIVITA’
                                               al 10/03/2014

Home > Articoli

Dall’apertura del Centro (13 aprile 2013) ad oggi siamo giunti ad assistere 47 famiglie bisognose residenti sul nostro territorio, per un totale di 180 persone fra adulti e bambini.
Il 30% sono famiglie italiane, le altre sono originarie di paesi africani e asiatici.

Innanzitutto le accogliamo, ascoltiamo le loro difficoltà, bisogni, problemi e verifichiamo poi con i Servizi Sociali dei Comuni e con i Parroci, con i quali operiamo in stretta collaborazione. 

Tutti i sabati e martedì distribuiamo gratuitamente vestiario e generi alimentari non deperibili di prima necessità (pasta, riso, latte, farina, biscotti, olio, sale, scatolame, zucchero). Gli operatori (una trentina) che prestano questo servizio sono tutti volontari. 
La Protezione Civile offre un aiuto prezioso per il prelievo e trasporto dei viveri.

Per il vestiario non ci sono problemi, grazie a tante famiglie che ne portano abbondantemente ai nostri punti di raccolta.

Per i viveri, invece, la situazione è diversa. Finora infatti venivano in gran parte forniti gratuitamente dal magazzino centrale della Caritas Diocesana (grazie a sovvenzioni europee, donazioni ed altri canali); la parte che mancava veniva integrata dalla raccolta alimentare praticata settimanalmente nelle parrocchie e da qualche acquisto occasionale.

Ad ogni famiglia consegniamo un pacco mensile, adeguandolo al numero dei componenti.
Come misura di riferimento, un famiglia di 4 persone riceve:
Pasta: 4kg – Riso: 2kg – Farina: 2kg – Zucchero: 1kg – Sale: 1kg – Olio: 1litro — Biscotti: 2kg – Latte: 12litri — Tonno: 8scatole – Verdure: 4scatole – Pomodoro: 4scatole.
Quando disponibili, aggiungiamo caffè, pane… o altro che ci viene regalato.

Grazie alle offerte in denaro di varie famiglie, al ricavato di mercatini e di altre piccole attività è stato possibile acquistare viveri (970€) e pagare altre inevitabili spese, come alcune attrezzature indispensabili per il Centro (370€) e il riscaldamento dei locali (1.800€).

Ma a partire dal 2014 gli aiuti europei e tutti gli altri canali di sovvenzione alla Caritas sono stati drasticamente ridotti, per cui la Caritas non è più in grado di rifornire gratuitamente i vari Centri Ascolto della Diocesi: può soltanto, conglobando gli acquisti per tutti i Centri, ottenere prezzi scontati, ma ciascun Centro deve poi provvedere di tasca propria al pagamento dei quantitativi che andrà a ritirare.

Il valore economico del pacco mensile per 4 persone si aggira intorno ai 30€.

Abbiamo calcolato che per continuare ad assicurare un sussidio alimentare mensile significativo alle famiglie in difficoltà che si rivolgono a noi dobbiamo reperire ogni mese almeno l’equivalente di circa 1.100€ in viveri

C’è quindi gran bisogno di aiuto e partecipazione da parte di tutti!...
Tutti i negozi di alimentari dei nostri 4 paesi hanno accolto la nostra richiesta di posizionare nel loro locale un cartone riservato alla raccolta per il Centro Ascolto: ricordiamoci, quando andiamo a far spesa, di metter dentro un pacco di pasta, o una scatola di fagioli, o un kilo di farina…
La Corte Facchina ha offerto 2q.li di riso. Qualche altro produttore potrebbe aggregarsi?...


GRAZIE A TUTTI DELLA COLLABORAZIONE